TUTTO IL PIACERE DELLA TRADIZIONE toscana

Il tabacco Kentucky

Proprio qui in Valtiberina, quasi cinquecento anni fa, i semi di tabacco provenienti dal Nuovo Mondo furono per la prima volta messi a dimora in terra italiana

e si svilupparono le prime coltivazioni. 

Sempre qui, ancora oggi, si coltiva il miglior tabacco Kentucky.

Le Sigaraie

Noi della Compagnia Toscana Sigari abbiamo fatto del recupero e della salvaguardia della tradizione toscana la nostra missione, lavorando la materia prima e confezionando i sigari come si faceva una volta, senza scendere a compromessi.

Un altro nostro punto di forza sono le sigaraie, che sono state formate in azienda da due maestre, Roberta e Daniela, con esperienza ultratrentennale. 

 

La storia 

Un sogno che è divenuto realtà, una visione, una mission.

Non usiamo tabacchi di provenienza estera e, quando ci avvaliamo di tabacchi provenienti da altre zone d’Italia, li acquistiamo solo da aziende di comprovata serietà, selezionandoli secondo rigidi criteri di qualità, senza badare a spese. 
Oltre a non provenire dall’estero, i nostri tabacchi vengono anche interamente lavorati in Italia: le foglie di fascia vengono scostolate a mano, il ripieno per i nostri sigari Long Filler non viene battuto, mentre per gli Short Filler la battitura ha luogo sempre in Italia. 

Conosci il tabacco

Forse non tutti sanno che…

Tutti i tabacchi impiegati sono di qualità premium e tutti i processi hanno luogo in Toscana.

Sempre qui, ancora oggi, si coltiva il miglior tabacco Kentucky.

Tutte le fasi della lavorazione hanno luogo presso la nostra manifattura di Sansepolcro, senza alcuna delocalizzazione all’estero.

Noi della Compagnia Toscana Sigari abbiamo fatto del recupero e della salvaguardia della tradizione toscana la nostra missione, lavorando la materia prima e confezionando i sigari come si faceva una volta, senza scendere a compromessi.

 

Non tutti conoscono la figura storica di Niccolò Tornabuoni, colui che, nel Cinquecento, introdusse il tabacco in Italia (che fu chiamato, appunto, Erba Tornabuona).

Il prefisso “Mastro” che, assieme a “Tornabuoni”, compone il nome dei nostri fatti a mano è in omaggio alla maestria artigiana delle sigaraie che, da secoli, producono in Toscana questo genere di sigari.

Il Long Filler prevede l’impiego di lembi di lunghezza pari all’intero corpo del sigaro, con foglie scostolate a mano, senza impiego di battitrici meccaniche.

Al momento della rollatura del sigaro, la sigaraia deve selezionare i gradi dalle singole foglie in base al blend progettato: un’operazione minuziosa che richiede grande precisione e maestria.

I sigari vengono rollati a mano libera, senza uso di agevolatrici di sorta. Per tutti questi motivi, il loro aspetto è nerboruto, maschio e storto.